Città di Airola

LEGGE n°. 183 del 12/11/2011

CITTA’ Di AIROLAPROVINCIA Di BENEVENTOSERVIZI DEMOGRAFICI A seguito dell’entrata in vigore della legge n.

Data:
23 Luglio 2013

CITTA’ Di AIROLA
PROVINCIA Di BENEVENTO
SERVIZI DEMOGRAFICI

A seguito dell’entrata in vigore della legge n. 183 del 12/11/2011 dal 01/01/2012 gli Uffici di Anagrafe e di Stato Civile non possono rilasciare certificati diretti agli uffici pubblici (ASL, INPS, QUESTURA ecc.) e ai gestori di pubblici servizi (ENEL, RAI, FERROVIE, POSTE , AZIENDE EROGATORI di GAS, ACQUA Ecc.). Tutte le Pubbliche Amministrazioni e i privati gestori di pubblici servizi devono accettare dal cittadino le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà e le autocertificazioni (rispettivamente art. 47 e art. 46 del DPR n.445/2000).
Gli uffici di anagrafe e di stato civile possono rilasciare certificati solo per finalità ad uso privato (banche, assicurazioni, le poste per servizi banco posta, notai ecc.).
Tuttavia il cittadino può rilasciare le autocertificazioni anche quando abbia a che fare con i servizi privati sopra citati, sempre che questi lo consentano.
I certificati richiesti all’ufficio anagrafe sono soggetti all’imposta di bollo (Euro 14,62- art.4 tariffa tab. A del DPR n.642/1972), tranne nei casi per cui è prevista l’esenzione (tab. B del DPR n. 642/1972). Oltre al bollo devono essere versati i diritti di segreteria nella misura di Euro 0,26 per i certificati in carta semplice ed Euro 0,52 per quelli in bollo.
Non è nella facoltà del richiedente il certificato decidere se l’atto vada in bollo o in carta semplice e neppure discrezione degli uffici che richiedono atti.
L’autocertificazione non è soggetta all’imposta di bollo né ai diritti di segreteria non essendo necessaria l’autenticazione della firma.
Sono soggette al bollo le autentiche di firme richieste per le dichiarazioni sostitutive di atti di notorietà a meno che non siano previste specifiche esenzioni per l’uso al quale le dichiarazioni sono destinate.
I certificati di stato civile (nascita – matrimonio – morte – cittadinanza) sono esenti dal bollo e dai diritti di segreteria.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Ultimo aggiornamento

15 Ottobre 2020, 17:35